Un ricordo di Maria Lucia Alessandrini

Pubblichiamo la lettera di alcune colleghe di Maria Lucia Alessandrini, storica maestra del Primo Circolo “B. Gigli”, scomparsa il 12 aprile 2022. Lucia Alessandrini nel giugno 2021 aveva avuto il riconoscimento di cittadina benemerita del Comune di Recanati con la seguente motivazione:  “Si propone per la benemerenza cittadina del Comune di Recanati  la signora Lucia Maria Alessandrini, maestra apprezzata di generazioni di bambini. Profonda conoscitrice e pioniera sperimentatrice di metodologie pedagogiche. Ideatrice delle iniziative per la Festa del libro e della Lettura. Volontaria, dopo la pensione, nelle attività di formazione alle donne straniere.”

Cara Lucia,

vorremmo soffermarci a ricordarti in particolare su quel tratto della tua vita che ci è più noto e che comunque ti ha sempre caratterizzata anche negli ultimi tuoi giorni, la passione per la scuola e per l’insegnamento.

Oltre che un vitale pensiero costante che ti animava, che cosa era per te la scuola?

Democrazia innanzitutto.

Hai fatto ricorso a mille metodi vari ed hai agito con grande determinazione per arrivare a tutti, per cercare di non lasciare indietro nessuno, era un tuo imperativo morale. E quando è arrivato il periodo degli alunni che non parlavano l’italiano, capitava frequentissimamente  che,  una volta passati alle medie, essi di pomeriggio proseguissero l’apprendimento della nostra lingua con te, a casa tua, e che poi, finiti i compiti, venissero premiati con merende e giochi.

I valori democratici erano alla base della selezione dei contenuti che proponevi nelle tue classi: contenuti mai scontati, sempre vagliati alla luce della loro significatività, per utilità e bellezza.

Ecco quindi, ad esempio, la tua didattica, allora pionieristica, della storia locale,  con la quale mostravi ai tuoi piccoli studenti  e studentesse il senso del cammino umano, con la quale accendevi l’interesse per il mondo che ci circonda,  svelandone  le stratificazioni e la fitta rete di rimandi. Ecco allora l’ amore per la lettura che hai saputo diffondere in tutti quelli che hanno avuto la fortuna di starti attorno. Anche in questo caso da pioniera,  ti sei specializzata in letteratura dell’ infanzia,  scoprendone quelle perle capaci di arricchire di parole ed esperienze, di conoscenze e di pensieri, di divertimento e poesia la vita delle tue alunne e dei tuoi alunni. Nessuno conosceva questi libri come te e per ogni piccolo lettore trovavi il libro adatto sia per scrittura che per trama e personaggi. Alla mostra del libro nessuno se ne poteva andar via senza un libro fra le mani,  qualcuno, e non pochi,  direttamente con una sportina piena. Hai fatto nascere  generazioni di lettrici e di lettori.

Ai tuoi studenti eri capace di parlare di tutto, sapevi mediare tutto: per loro non c’erano argomenti troppo alti, avevi questa grande arte di conoscere il linguaggio con cui arrivare ai piccoli.

La democrazia la si viveva nelle tue classi, dove, in un cammino di conoscenza e scoperta, guidavi le alunne e gli alunni al dialogo e al rispetto, alla lealtà e alla collaborazione, all’autonomia e alla solidarietà. 

Che cosa era per te, Lucia, la scuola?

Rispetto. 

Era rispetto profondo, reverenziale di chi ti stava davanti: degli alunni e delle alunne. Rispetto dei loro ritmi, delle loro difficoltà, delle loro passioni, delle loro inclinazioni, delle loro storie, dei loro mondi sempre da valorizzare. Mai ti si è sentita pronunciare parole stanche e di sconforto verso i tuoi alunni e le tue alunne. 

Parole di indignazione invece te le abbiamo sentite usare quando ti pareva che qualcuno o qualcosa non prendesse sul serio l’infanzia, quando la banalizzava, quando, peggio ancora, l’opprimeva. Eri severissima nei tuoi giudizi quando la scuola non sapeva valorizzare talenti e ricchezze di ciascuno, quando invece di accendere ed assecondare curiosità ed  interessi li mortificava.

Che cosa era per te la scuola  Lucia?

Era quell’ amore e quell’apertura alla vita che ti ha portata  ad essere una donna di forte passione civica e una donna che si è spesa per i suoi figli e la sua bellissima famiglia e che, con lo stesso impegno e dedizione, si è rivolta a figlie e figli non suoi. 

Non finiremo mai di ringraziarti, Lucia, e ti porteremo sempre nella mente e nel cuore.

F.to  Le tue colleghe dell’I.C. B. Gigli

Scritto da:
Docenti dell'Istituto Comprensivo "B. Gigli"

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.