Manualmente

Creatività ed operatività

Manualmente nasce nel 2014 riprendendo alcune azioni promosse dalla Regione Marche e messe in atto dalla scuola media ”M.L. Patrizi” negli anni precedenti con laboratori tesi a contrastare la dispersione scolastica. Il progetto si colloca all’interno   dell’area “Inclusione educativa” con lo scopo di favorire un percorso didattico-formativo di valenza sociale e culturale. Vi partecipano allievi delle classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado. L’attenzione  è rivolta a quegli alunni con difficoltà di apprendimento, scarso interesse  e motivazione allo studio ma anche  a chi vuole cimentarsi in attività legate alla conoscenza di materiali e tecniche nuove. I corsi si svolgono di pomeriggio, sono della durata di due ore,  una volta alla settimana per un totale di circa 6 incontri e in un periodo circoscritto dell’anno scolastico. Negli anni passati si sono attivati corsi di incisione, fotografia, lavorazione del legno, telaio, ceramica, murales con esperti esterni e docenti interni. Quest’anno si è realizzato un nuovo murales e si sono attivati due laboratori di ceramica vista la notevole richiesta di partecipazione degli alunni. I laboratori sono composti di circa 10/15 allievi. Gli esperti per la ceramica sono stati E. Trillini coadiuvato dal signor G. Bertini e per Murales C. Tamburrini. I corsi sono iniziati a novembre e si sono conclusi a febbraio prima della pandemia. I prodotti realizzati, in gran parte, sono stati esposti durante l’Open Day di gennaio. Il murales,  situato al primo piano, quest’anno  ha  avuto come tema l’Ambiente. I ragazzi hanno espresso il desiderio di rappresentare ciò che lega l’uomo all’ambiente, intendendo il nostro pianeta Terra come la “Casa” da custodire e salvaguardare. Aspetti centrali sono stati il rispetto e la tutela dell’ambiente nelle  sue varie forme.   Inoltre, la  lavorazione dell’argilla ha permesso  una  creazione libera e personale degli oggetti, come tavolette, portapenne, tazze, ecc. Si sono attivate competenze ed abilità specifiche, con manifestazioni di soddisfazione e benessere da parte dei partecipanti e  delle famiglie, che hanno apprezzato il lavoro svolto.  Il progetto promuove, pertanto,  l’autostima e la consapevolezza di sé. I ragazzi imparano a lavorare in gruppo, a confrontarsi con i coetanei e con gli adulti, a riconoscere le proprie risorse positive in un clima di fiducia reciproca.

Scritto da:
Simonetta Tombesi

Potrebbero interessarti anche...