Una delle tante risorse che offre la nostra città di Recanati è il Centro Missionario dei Frati Cappuccini, associazione che da oltre 50 anni opera al fianco dei più poveri del grande continente africano, con missioni in Etiopia e in Benin. Quest’anno la nostra scuola ha collaborato proprio con questa onlus avviando un meraviglioso progetto multi-culturale dal titolo “Bambino italiano-bambino africano: un ponte verso te”. Le tre scuole primarie e d’infanzia del nostro Istituto, hanno partecipato attivamente alla costruzione di un “ponte” fatto di reciproca conoscenza, amicizia e solidarietà con i bambini dell’asilo di Djeffà, in Benin (Africa).

1 – CONOSCENZA    I nostri bambini hanno conosciuto i coetanei del Benin attraverso video, foto, specifiche attività didattiche (per i bambini dell’infanzia) e l’incontro con i missionari e i frati africani. Diverse classi e sezioni sono andate a visitare il Centro missionario (nei pressi di Casa Leopardi) e il relativo museo, ricco di prodotti e oggetti provenienti dall’Africa.

2 – AMICIZIA    La conoscenza di questa nuova realtà si è pian piano trasformata in amicizia. E l’amicizia è fatta di gesti concreti d’affetto: i bambini del Benin hanno fatto dei disegni per noi, e anche noi li abbiamo fatti per loro. A fine anno scolastico, attraverso la video-chiamata, i nostri bambini hanno potuto vedere i coetanei del Benin, faccia a faccia… si sono salutati, scambiati domande e curiosità, si sono regalati canzoni e poesie recitate in diretta. É stata davvero un’esperienza emozionante!

3 – SOLIDARIETÀ    Dai più piccoli ai più grandi il desiderio che più è risuonato nei nostri bambini è stato il voler fare qualcosa per loro, per i nuovi amici del Benin… ecco la solidarietà. Ogni scuola ha avviato una raccolta libera e facoltativa di offerte, estesa ai genitori, ai docenti, ai collaboratori scolastici. La generosità è stata immensa, ben 2 627,44 € che sono stati utilizzati per adottare a distanza due bambine dell’asilo del Benin, Centorielle e Maela; per contribuire alla costruzione della nuova scuola per i bambini del Benin; per acquistare più kit scolastici per gli stessi.

We are different outside, but we are the same inside” : è questo il senso e l’obiettivo del progetto, come ha scritto Federica nel disegno che è ora in mano a un bambino del Benin.

 

VIDEO DEL PROGETTO:

Scritto da:
La referente del progetto Sofia Pellini